#7 Come scoppiano le guerre? La prima guerra mondiale (2014 #1)

Il podcast di Alessandro Barbero: Lezioni e Conferenze di Storia

0:00
01:10:11
10
10

#7 Come scoppiano le guerre? La prima guerra mondiale (2014 #1)

Il podcast di Alessandro Barbero: Lezioni e Conferenze di Storia

Ricorre quest’anno il centenario dello scoppio della prima guerra mondiale, scatenata dalle rivoltellate di Sarajevo. Le quattro settimane trascorse fra l’attentato e la dichiarazione di guerra dell’Austria-Ungheria alla Serbia il 28 luglio 1914, ma soprattutto i cinque o sei giorni successivi, in cui una dopo l’altra Germania, Russia, Francia e Inghilterra vennero trascinate nella guerra, sono studiati ancora oggi dai politologi come il classico, e agghiacciante, esempio di come una guerra possa scoppiare anche se nessuna delle potenze coinvolte lo desidera veramente. Ma c’è una condizione perché questo accada, ed è una cultura militarista in cui la guerra è comunque considerata possibile e tutti si preparano a combatterla nelle condizioni più favorevoli: se i paesi europei non fossero stati così bene armati e così sospettosi gli uni degli altri, non sarebbero stati travolti da quella tragedia.
Episodes
Date
Duration
Recommended episodes :

#6 Kantorowicz – La responsabilità dello storico – Barbero Riserva (Festival della Mente, 2015)

Il podcast di Alessandro Barbero: Lezioni e Conferenze di Storia

#144 Dialoghi sul nostro tempo - BarberoTalk (L’Espresso, 2020)

Il podcast di Alessandro Barbero: Lezioni e Conferenze di Storia

#12 La Terza Guerra d'Indipendenza – Lo Spazio della Guerra – Barbero Riserva (Festival della Mente, 2016)

Il podcast di Alessandro Barbero: Lezioni e Conferenze di Storia

The podcast Il podcast di Alessandro Barbero: Lezioni e Conferenze di Storia has been added to your home screen.

Ricorre quest’anno il centenario dello scoppio della prima guerra mondiale, scatenata dalle rivoltellate di Sarajevo. Le quattro settimane trascorse fra l’attentato e la dichiarazione di guerra dell’Austria-Ungheria alla Serbia il 28 luglio 1914, ma soprattutto i cinque o sei giorni successivi, in cui una dopo l’altra Germania, Russia, Francia e Inghilterra vennero trascinate nella guerra, sono studiati ancora oggi dai politologi come il classico, e agghiacciante, esempio di come una guerra possa scoppiare anche se nessuna delle potenze coinvolte lo desidera veramente. Ma c’è una condizione perché questo accada, ed è una cultura militarista in cui la guerra è comunque considerata possibile e tutti si preparano a combatterla nelle condizioni più favorevoli: se i paesi europei non fossero stati così bene armati e così sospettosi gli uni degli altri, non sarebbero stati travolti da quella tragedia.
Subscribe Install Share
Il podcast di Alessandro Barbero: Lezioni e Conferenze di Storia

Thank you for your subscription

For a better experience, also consider installing the application.

Install